Presenze - Abruzzo 1915.

Questo lavoro è stato realizzato per la pubblicazione auto prodotta: "Un secolo di abbandono" con l’associazione Grigio 18%. Siamo andati in Abruzzo, nei luoghi colpiti dal terremoto del 1915 per riportare alla luce un evento a cent’anni di distanza. “Una strana sensazione di presenza l’ho sentita forte in particolar modo a Corvaro. Come se qualcosa, qualcuno mi fosse accanto e cercasse di spiegarmi la storia di quei luoghi. Dall’altro della collina in cima al vecchio borgo di Corvaro, ho ascoltato i rumori del paese a valle, dove la vita scorre più intensa, con il fragore dei motorini, le voci concitate durante le partite di calcio...Ognuno di questi paesi ci racconta storie differenti, ma c’è sempre un legame dissolubile che unisce questi borghi terremotati con la realtà dei nuovi insediamenti...E intanto i muri si sgretolano ancor di più, i tetti non ancora del tutto crollati si imbarcano, le pareti interne si scrostano rivelando strati di pitture consumate dal tempo...”. Estratto della pubblicazione.